I Nostri Rubriche

PARLARE DA SOLI

2 Aprile 2020

Ma allora sono solo un genio!

“Parlo, parlo, parlo, …e non vi dico quanto parlo con me stessa a voce alta quando sono a casa da sola o quando sono arrabbiata  è il modo migliore che ho per sfogare quello che ho dentro”

Ecco magari evito di farlo e nemmeno mi viene (grazie al cielo) mentre cammino per strada, quando sono nel mio ufficio o quando faccio shopping.

A volte mi sento una vera "pazza" ma trovo rassicurante pensare e riflettere ad alta voce soprattutto quando lavoro con i numeri o rileggo una mail importante . C’è chi pensa che sia  fuori di testa…e di sicuro non ha tutti i torti ma vi assicuro che per portare tutta la mia attenzione su un “lavoro impegnativo” o su un problema verbalizzarlo è un po’ come vederlo piu’ chiaro, come materializzarlo e quindi semplice da decodificare.

Se siete un po’ come me,  se temete di essere considerati delle persone molto piu’ che originali lasciate stare i pregiudizi perché chi parla da solo nasconde in sé un vero genio. I più grandi pensatori della storia hanno sviluppato degli importanti punti di riflessione e i loro dialoghi interiori sono diventati il punto di partenza per intere generazioni a venire e dei grandi saggi di psicologia. Albert Einstein era uno di essi e adorava ripetersi le frasi lentamente, in loop.

Secondo la letteratura psichiatrica parlare da soli rende il lavoro del cervello più efficiente, è davvero utile è un po’ come se parlando da soli si diventasse più lucidi ed obiettivi.

AUTOSTIMA

È stato studiato anche che serve moltissimo per aumentare la propria autostima. perché ripetere a sé stessi qualcosa a voce alta solidifica quello che pensiamo tanto da renderlo immediato e sentendo a portata di soluzione cio’ verbalizziamo ci sentiamo sollevati e piu’ intelligenti.

Parlare ad alta voce aiuta, ma solo quando sappiamo bene che cosa stiamo cercando. Se stiamo  cercando qualcosa, ripetere il nome dell'oggetto ci aiuterà a familiarizzare con l’immagine dello stesso e così sarà più facile trovarlo, aumentiamo l'attenzione sulle caratteristiche specifiche della cosa da scovare.

IMPARIAMO A PARLARE COME FANNO I BAMBINI

Quando siamo piccoli impariamo ascoltando e ripetendo quello che dicono gli adulti poi si ha bisogno crescendo di sentire la nostra voce e imparare a gestirla.

Secondo una nota rivista scientifica americana parlare a sé stessi può aiutare i bambini a diventare più sicuri, a prendere confidenza con le loro capacità. Provate a pensare ai bambini che conoscete, li avete mai visti parlare da soli o con i loro pupazzetti? Per loro diventa un modo per superare i problemi. Quando giocano spesso se non sempre parlano da soli, si spiegano cosa stanno per fare o parlano con un amico immaginario che gioca con loro.

Un bambino impara a conoscere e a capire il mondo parlando delle sue azioni a sé stesso e/o emulando quello che fanno gli adulti, non sempre capendo bene cosa sta succedendo ma imparano così sono come dei grandi hard disk che giornalmente immagazzinano milioni di nozioni.

Dicendo a voi stessi che cosa c’è nella vostra lista delle priorità, sarà più facile organizzare i numerosi pensieri che invadono la nostra mente.

LUCIDITA’ MENTALE = MENO PREOCCUPAZIONI

Sentire quali sono i problemi d’affrontare aiuta a calmarsi, parlando ad alta voce aiuta a capire importanti e difficili decisioni. "Permette di chiarire i propri pensieri, riuscendo a capire che cos’è importante e prendere eventuali decisioni”.

Tutti sanno che il modo migliore per risolvere un problema è quello di parlarne. Prefiggersi delle mete e poi partire per realizzarle può essere difficile, ripetendosi ciò per cui si sta lavorando diventa determinante.

Ripetersi perché si stanno facendo certe cose rende le azioni successive più fattibili e meno preoccupanti. Come “Parlarvi dei vostri problemi, ad alta voce, l’attenzione si concentrerà sul centro della questione e riuscirete a controllare meglio le emozioni preparando dei piani di fuga e schermi utili per distrarvi”.

Parlare con sé stessi significa essere autosufficienti. Le persone che parlano a sé stesse sono molto abili a contare sulle loro forze per capire di che cosa hanno bisogno.

Quindi evviva me che già da piccola quando mia mamma andava a scuola per i colloqui genitori - insegnanti si sentiva dire che ero davvero troppo loquace, evviva me che quando devo dire una cosa la dico magari modulando i toni ma sempre onesta e diretta fino in fondo, evviva me che parlo col mio cane (tantissimo) e gli faccio anche i complimenti per la bella cacca che produce ed evviva me che in macchina e sotto la doccia canto (le persone a me care mi implorano di darmi alla cucina che mi riesce decisamente meglio) ma soprattutto sono un genio per le mail che rileggo a voce alta, che quando sono arrabbiata parlo per almeno 30 minuti prima di calmarmi e che se non trovo qualcosa in casa me la racconto per ore.

Ora ditemi davvero la vera verità. Alzate la mano destra e dite “parola di lupetto”  quanti di voi si fanno delle gran belle chiacchierate da soli. BENONE ora sapete di essere dei veri geni!!!!

Benvenuti nel mio mondo   modestamente!!!!!

Il mio mondo quello della della mia  lucida follia  che non puo’ che terminare con una canzone a tema https://www.youtube.com/watch?v=LVEwL-sZzmM

#Love  #LaGio

No Comments

    Leave a Reply